Multa di 140 € a chi dorme in tenda per paura del #terremoto

Pubblicato il da Gioia Mulas

Giornale.JPG


L’Agenzia delle Entrate, da l’ennesima pugnalata all’Emilia Romagna!

Il sindaco di Correggio (Reggio Emilia), infatti ha deciso, che non è necessario dormire in tenda, così avvalendosi del campeggio abusivo, ha deciso che chiunque continui a dormire in tenda, attraverso l’Agenzia delle entrate, farà pagare una multa di 140 €.

 

Mi chiedo la mentalità di questo sindaco, su quali piani basa la paura dei cittadini che non possono certo vivere tranquillamente visto che le scosse continuano a susseguirsi a intervalli.

 

Potrebbe essere anche vero che i sismi hanno una magnitudo più bassa e che pian piano andranno sempre più attenuandosi…

La paura però non si è ancora attenuata! Ogni piccolo movimento causato anche da noi stessi, spesso provoca ansia, se poi a svegliarci è una scossa seppur di magnitudo 3.6, il cuore batte forte, la mente non ragiona e la prima cosa che vien da fare, istintivamente, è quella di scappare. Solo qualche minuto dopo ci si rende conto che la reazione è stata eccessiva rispetto all’accaduto. Purtroppo però, dopo che si sono viste determinate cose, si fa fatica a tenere il controllo, a star tranquilli.

 

Gli abitanti di Correggio, coloro che hanno deciso di vivere in tenda, non stanno trascorrendo una vacanza al mare o in montagna! Vivono in tenda perché è l’unico sistema per riuscire a tranquillizzarsi! Perché solo così riescono a dormire e poter alzarsi la mattina per andare a lavoro e cercar di riprendersi in mano la vita tranquilla di una volta.

 

Il 20 e il 29 maggio sono stati momenti traumatici per molti emiliani. Molti, purtroppo hanno visto la morte, altri hanno perso la casa, il posto di lavoro.

Il 20 e il 29 maggio hanno segnato gli emiliani che nonostante tutto stanno riuscendo a reagire, a sorridere, ma per consentir loro di reagire per il meglio, forse, sarebbe utile che sindaci come quello di Correggio, o come quello di Cavezzo che ha rifiutato gli aiuti provenienti dall’Abruzzo, si decidessero a mettersi veramente al servizio dei cittadini.

Sono stati eletti per rappresentare il popolo e non per atterrarlo! Sono stati eletti per capire le esigenze e non per metterli ancor di più in stato di ansia.

 

COSÌ DETTI POLITI, SMETTETELA DI ROMPERE I C*********, DI VOLER PENSARE SOLO AI SOLDI CHE VI ENTRANO IN TASCA E, UNA VOLTA NELLA VOSTRA VITA, PENSATE A CiÒ CHE PROVA IL POPOLO, A COME STA VIVENDO, A COSA STA ANDANDO INCONTRO CAUSA IL VOSTRO COMPORTAMENTO.

Commenta il post