Ogni suo desiderio un ordine

Pubblicato il da Gioia Mulas


Era diventato impossibile dirgli di no. Ogni suo desiderio doveva essere esaudito.
Lui amava, ardeva nel vedere gli occhi degli altri che la guardavano, che la spogliavano, che la desideravano...
Amava pensare che lei era oggetto dei desideri degli uomini che la vedevano passare per strada, come lo faceva ardere di desiderio nel pensare che per quegli uomini restava solo un desiderio, mentre lui la possedeva, era sua, era la sua donna, era il so gioco.

Già era il suo gioco, lei lo sapeva... Era la sua bambola, lui poteva farne quello che voleva.

Quella mattina doveva uscire, sarebbe dovuta essere una semplice uscita per fare spesa.
Mentre lei è in camera che si prepara, lui le si avvicina: - Sai come ti devi vestire, sai come ti voglio...

Lei lo guarda con aria interrogativa, chiedendosi perché, visto che dovevano andare a far semplicemente spesa. Non ricevendo risposta, senza proferir parola, mise a posto la tuta che aveva preparato.
Indossò un paio di jeans attillatissimi che mettevano in evidenza il fondoschiena sodo, ben formato, nonostante i suoi 40 anni. Scelse un Push up da abbinare alla giacca scollatissima color viola: in pizzo bianco con merletti e nastrini rosa, romantico e seducente allo stesso tempo. Sotto la giacca stava divinamente.
Apparentemente, se stava ferma, era vestita in modo molto sobrio, casual, ma i suoi movimenti, raccontavano tutt' altro!

Se ne accorse ben presto, quando, dovendo fare un lungo tratto a piedi, perché suo marito aveva parcheggiato, volutamente, la macchina lontano dal luogo di destinazione, notò che i passanti, la guardavano, ma i loro sguardi, non incrociavano il suo, scendevano, quasi inconsciamente alla sua scollatura, che veniva messa in evidenza ad ogni passo, ad ogni battito del suo cuore, ad ogni respiro affannoso....
Ancora più strano, per lei, era il sentirsi addosso anche gli occhi di molte donne, non aveva mai provato la sensazione di essere ammirata da persone del suo stesso sesso.
Senza rendersene conto, si ritrovò a trovare quel gioco, tanto assurdo, altamente piacevole... Sensazioni a lei sconosciute, brividi mai provati le salivano su per la schiena, il cuore batteva all'impazzata, confuso, tra l'imbarazzo e un misto di piacere, di curiosità. Come se avesse cambiato la pagina di un libro, si sentì coinvolta, piacevolmente coinvolta...

Cosa stava cambiando in lei? Cosa stava diventando?..........

Commenta il post