Godersi dentro

Pubblicato il da Gioia Mulas

 


Fuoco
   La sua vita stava cambiando, in meglio, in peggio, non lo sapeva.

Non riusciva a carpire il vero nesso dei suoi cambiamenti… Tutto sembrava uguale a prima, eppure percepiva il cambiamento.

Viveva giorno dopo giorno, col pensiero del suo uomo nella mente. Gli mancava l’alito caldo nel collo, i brividi lungo la schiena…

Quella forte emozione che assale, che prende dentro e che fa vibrare ogni parte del corpo, da essere quasi paragonato a un orgasmo, ma tale non è…

Sentiva ancora le mani calde che cercavano i suoi seni turgidi… lentamente si insinuavano nella scollatura della camicia di seta… e lei, lei si lasciava andare, assaporava ogni minima sensazione, la faceva sua… non esisteva nient’altro, se non quel tocco lieve, veloce, leggero… dolce e crudele allo stesso tempo… voleva di più, sempre di più…

Ma il suo uomo sapeva aspettare… sapeva farla soffrire, di quell’attesa dolorosa, che è allo stesso tempo piacere immenso…

Quell’attesa di voler, desiderare con ogni cellula del proprio corpo, di essere posseduta, brutalmente, dolcemente, all’infinito, in un tempo eterno, senza ritorno…

“Non ancora…” le sussurrava

Lei vibrava, bramava “Fammi tua… ti prego, prendimi, adesso…”

Ma lui, quasi godesse della sua voglia insaziabile, non l’ascoltava, continuava con le sue dolci carezze… la baciava….

Ah quel respiro caldo, dolce, succoso… voglia infinita di lui…

e coi suoi baci scendeva piano… verso il ventre, quel ventre che una volta fu materno, ma che in quel momento era donna, spudoratamente donna…

Si… si… oddio… gli spasmi di piacere le inebriavano la mente… non voleva altro solo lui, dentro di lei… voleva sentire la forza del suo uomo…

Sentì la sua mano sfiorarle l’interno coscia… un grido di immenso piacere che soffocò in gola… lui le premette la mano sulla bocca… “non ancora tesoro… non ancora… voglio vederti al massimo dell’eccitazione…”…

“Non ancora…”……………….

 

Ritmo, sensualità…….oh year!!!

 

 

Commenta il post